ISTITUTO 
"LUIGI EINAUDI"

“In ogni tempo le nuove generazioni accorreranno di volta in volta alle scuole le quali avranno saputo conquistarsi reputazione più alta di studi e di dottrina sicura”

Luigi Einaudi

inclusione scolastica

Il nostro Istituto da anni si distingue nella realtà ferrarese per capacità di accoglienza ed integrazione dei B.E.S. (Bisogni Educativi Speciali).

Da noi  gli  studenti diversamente abili,  gli studenti con D.S.A. e comunque tutti gli studenti in temporanea situazione di svantaggio socio-economico, linguistico e culturale trovano un ambiente accogliente e  stimolante, con personale qualificato in grado di individuare insieme a loro e alle loro famiglie  i più idonei percorsi di apprendimento per soddisfare gli specifici bisogni educativi e formativi.

Tali percorsi sono coordinati dal G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l'Inclusione) che elabora il Piano Annuale per l'Inclusività inserito nel PTOF.

Consulta PAI (Piano Annuale per Inclusività) a.s. 2015/2016


AREA Bisogni Educativi Speciali:

 - Disabilità
  - D.S.A.
 - Studenti stranieri
 

  Disabilità

  • All’Einaudi rivolgiamo da sempre particolare attenzione agli alunni disabili, predisponendo una serie di azioni e di progetti che favoriscano il successo formativo e migliorino la qualità della loro vita scolastica ed extrascolastica.
  • Queste azioni si sviluppano in diversi momenti, ad iniziare dall’attività di accoglienza ed orientamento degli alunni in ingresso, provenienti dalla scuola media di primo grado, per proseguire con iniziative e progetti personalizzati durante l’intero percorso di studi.
  • Tali  interventi mirano, inoltre, ad accompagnare gli studenti alla completa realizzazione del progetto di vita oltre il termine del percorso scolastico, in vista di un concreto inserimento nel mondo del lavoro o  in strutture a loro idonee.

 PROGETTI

PROGETTO PREACCOGLIENZA/ PREINSERIMENTO

Il passaggio fra un ciclo di studi e l’altro rappresenta un’esperienza impegnativa e delicata soprattutto per lo studente disabile e per la sua famiglia.

Il fatto di lasciare un contesto conosciuto per inserirsi in uno nuovo, di chiudere dei rapporti significativi (con compagni ed insegnanti), di apprendere nuove regole organizzative e di modificare le proprie abitudini di studio e di lavoro, crea in lui una temporanea disorganizzazione. 

È necessario quindi favorire questo processo di cambiamento affinché non si generi nello studente, e nei suoi familiari, uno stato di ansia.

Da anni, all’Istituto “L. Einaudi”, favoriamo con successo tale processo attraverso una serie di attività e d’incontri funzionali alla reciproca conoscenza tra l’alunno e la scuola superiore (personale, struttura, attività, ecc.).

Gli incontri si concretizzano in alcune visite dello studente, accompagnato dal docente di sostegno e/o educatore, all’Istituto.

Nel corso di ogni incontro, di durata variabile secondo le esigenze individuali, lo studente familiarizza con l’edificio scolastico ospitante, con alcuni docenti, con il personale in genere e partecipa ad alcune lezioni in una classe prima dell’indirizzo prescelto. Durante il percorso lo studente è seguito da un docente di sostegno dell’Istituto che ha il compito di annotare osservazioni, di individuare strategie future per un suo proficuo inserimento scolastico e di elaborare, se necessario, il progetto TUTOR /EDUCATORE da presentare al Comune di residenza per ottenere i relativi finanziamenti.

PROGETTO "MI MUOVO" 

Si tratta di un percorso mirato a potenziare e rinforzare le competenze legate all’autonomia personale, sociale ed emozionale.  Siamo infatti  persuasi che il benessere dello studente passi soprattutto attraverso il saper gestire la propria quotidianità  e il saper fruire dei servizi messi a disposizione dal territorio, allo scopo di sviluppare la capacità di vivere giornalmente in  autonomia,  al fine di conseguire una migliore qualità della vita.  e per una maggiore valorizzazione della dignità e dell’identità dello studente.

PROGETTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA IN RETE

Il progetto, finanziato dall’Amministrazione Provinciale di Ferrara, vede come destinatario lo studente per il quale gli obiettivi prioritari sono finalizzati allo sviluppo delle autonomie personali e sociali. Le scuole ospitanti, tra le quali il nostro Istituto,   mettono a disposizione i propri spazi e le proprie competenze  così da dare vita  a  laboratori di ceramica,  ad attività in serra, ai laboratori di psicomotricità, teatro, disegno creativo..allo scopo di fornire  allo studente gli strumenti necessari per  esprimere appieno le sue capacità. 

PROGETTO BIBLIOTECA

Il progetto si articola in due fasi che verranno portate avanti parallelamente: una fase di formazione e una fase operativa.

La fase operativa persegue i seguenti obiettivi:

incentivare l’interesse verso il libro come strumento di conoscenza;

approfondire le nozioni riguardanti la gestione complessiva di una biblioteca;

incrementare la conoscenza del mezzo informatico nella gestione di una biblioteca;

consolidare  nozioni in merito alla collocazione e alla classificazione Dewey.

La fase operativa propone  attività di conoscenza e promozione della biblioteca, coinvolgendo docenti e classi dell’Istituto interessati all’ iniziativa . I partecipanti al progetto potranno: 

effettuare in modo autonomo attività di prestito e riconsegna dei volumi;

svolgere attività di riordino e manutenzione della biblioteca (sistemazione in ordine alfabetico, collocazione per argomento…..);

illustrare ai compagni di altri classi il funzionamento della biblioteca;

-    organizzare piccole “maratone di lettura” da proporre a classi interessate;

-    effettuare la lettura “drammatizzata” di alcune sequenze testuali;

-    visitare biblioteche pubbliche del territorio.

A chi è indirizzato:

Il progetto è indirizzato ad alunni con PEI ad obiettivi differenziati ,ma che sono in grado di maturare esperienze nel settore.

Da chi verrà gestito:

Il corso, come nei precedenti anni scolastici, verrà tenuto da un collaboratore esterno che ha frequentato un corso biennale per bibliotecari e ha maturato esperienza lavorando due anni presso una biblioteca.

Il progetto prevede anche la possibilità di ospitare  altri esperti esterni, disponibili ad offrire la propria collaborazione,  e di visitare alcune biblioteche del territorio.

PROGETTO INFORMATICA

Il computer può diventare, grazie alle sue caratteristiche comunicative e alla configurabilità della sua interfaccia, un ausilio indispensabile per il raggiungimento di una maggior autonomia per il ragazzo disabile, facilitando l’apprendimento, la scrittura, la comunicazione offrendo  un’ulteriore opportunità spendibile nel mondo del lavoro.

Il progetto permette di stimolare la curiosità e l’apprendimento dei vari processi legati al PC e alle sue funzioni. Infatti, il computer rappresenta una macchina in grado di facilitare un numero sempre maggiore di funzioni che la complessità dell'attuale vita moderna richiede. Nell'ambito delle disabilità e disfunzionalità in particolare vanno via via affinandosi suggestive possibilità di interfacciare strumenti e tecnologie tale da garantire concrete possibilità di autonomia personale e di sbocchi lavorativi. 

Per alcuni alunni, inseriti nei percorsi scolastici e formativi del nostro Istituto, si ravvede la necessità di una progettazione integrata finalizzata a favorire il loro passaggio verso la vita attiva e lavorativa.

E ‘ quindi indispensabile  predisporre delle relazioni tra scuola, C.F.P. (Centri di Formazione Professionale)  e mondo del lavoro al fine di  favorire il loro futuro inserimento, ove possibile,  nelle realtà produttive legate al nostro territorio. La nostra convinzione, infatti, è che la realizzazione completa di un progetto di vita deve necessariamente  passare anche per una futura affermazione dello studente in campo lavorativo .

PROGETTO STAGE

E’prassi consolidata presso il nostro Istituto l’attivazione di diversi percorsi di stages lavorativi presso enti pubblici e/o aziende con l’intento di orientare, di fornire le necessarie competenze  e di creare possibili opportunità lavorative allo studente,  nel rispetto delle sue attitudini personali e professionali.

PROGETTO TRANSIZIONE

(in collaborazione con il Centro di Formazione Professionale  “Città del Ragazzo”.)

Il progetto “Transizione”, che l’Istituto propone in collaborazione con il C.F.P. “Città del Ragazzo”,  ha la finalità generale di programmare e realizzare piani individualizzati di transizione scuola-lavoro rivolti ai nostri studenti che si ritiene possano essere inseriti nel mondo del lavoro. Il progetto si sviluppa partendo dalla centralità del ragazzo e dei suoi bisogni, attorno a cui è costruita una micro-rete di persone e di funzioni (docente di sostegno, assistenti sociali, educatori, imprenditori, ecc…) coinvolte nel percorso di transizione.

vedi in allegato l'accordo di programma Provinciale per l'Integrazione Scolastica.

Torna all'indice


 D.S.A.

Per quanto riguarda il DSA presso l’Istituto da anni si lavora secondo le normative della Regione Emilia Romagna, quindi seguendo le normative della L 170 (2010) predisponendo PDP e lavorando con i ragazzi utilizzando le misure dispensative e gli strumenti compensativi più adeguati. Nella biblioteca d’Istituto sono presenti diversi audiolibri.  Inoltre è presente in Istituto un referente DSA punto di riferimento per i docenti, gli allievi e le famiglie, in grado di fornire  indicazioni  di  base  su  strumenti  compensativi  e  misure  dispensative  al  fine  di  realizzare un intervento didattico il più possibile adeguato e personalizzato. Il referente inoltre collabora con i Consigli di Classe alla elaborazione di strategie volte al superamento di eventuali problemi nella classe con alunni  con DSA e offre supporto ai colleghi riguardo a specifici materiali didattici e di valutazione.

 

- DPR 275/99 “Regolamento recante norme in materia di autonomia delle Istituzioni Scolastiche

- Nota MIUR 4099/A4 del 5.10.04 “Iniziative relative alla dislessia

- Nota MIUR 26/A4 del 5.01.05 “Iniziative relative alla dislessia

- Nota MIUR 4600 del 10 maggio 2007 

- Nota MPI 4674 del 10 maggio 2007 “Disturbi di apprendimento – Indicazioni operative

- Nota U.S.R. Emilia Romagna n 13925 del 4/9/07

- OM n. 30 del 10.03.2008

- CM n 32 del 14.03.2008 

- CM n 54 del 26.05.2008

- Nota U.S.R. Emilia Romagna n 1425 del 3/2/09 

- MIUR, regolamento sulla valutazione degli alunni, 13 marzo 2009.

- Legge n170, 08.10.2010 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”

- MIUR, Decreto n 5669 12.07.2011 e Allegato al DM 12.07.2011 “Linee guida per il diritto allo  studio  degli alunni e degli studenti con Disturbi Specifici di Apprendimento” .

Torna all'indice


 Studenti Stranieri

 
PROGETTO "ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI"

Il Progetto ha la finalità di accogliere gli alunni di madrelingua non italiana e di facilitarne l'inserimento per il successo scolastico e sociale attraverso varie iniziative. 

Per gli studenti che sono neo arrivati in Italia, la scuola offre assistenza e informazioni per l'iscrizione ed un corso di lingua per la comunicazione quotidiana. 

Per gli studenti che sono in Italia da alcuni anni si predispongono corsi di lingua italiana di livello avanzato e attività di sostegno allo studio. 

Inoltre l'Istituto “Einaudi” collabora con l'Università di Parma per l'attuazione di un progetto di Glottodidattica che mira a potenziare le competenze linguistiche di tutti gli studenti che vi partecipano.


                
Torna all'indice